Antonio Tabucchi, requiem per Isabel

Non potevo non leggere Per Isabel. Un mandala di Antonio Tabucchi (Feltrinelli, 119 pagine). È la storia di una donna scomparsa di nome Isabel e di un uomo già morto, che la cerca. Dell’uomo sappiamo il nome, si chiama Tadeus, e sappiamo che viene da Sirio. È un fantasma Tadeus… sì avete capito un fantasma, tanto che quando un fotografo gli scatta una foto con una Polaroid lui non compare nell’inquadratura perché, semplicemente, non esiste.

Anche di Isabel sappiamo poco, sappiamo che veniva da una famiglia nobile portoghese, che dipingeva finestre, finestre con le imposte chiuse, con le imposte aperte, finestre con le tende, sempre e solo finestre mai che dipingesse una figura umana affacciata perché le figure, diceva, rovinano il mistero, sappiamo anche che i genitori di Isabel erano morti in un incidente d’auto, che da ragazza aveva aderito al partito comunista e…. poco altro sappiamo di lei.

Ora Tadeus la cerca. Nel suo itinerario terrestre, ha un solo obiettivo, sapere che fine ha fatto Isabel ma non proprio…vuole sapere la Verità di questa donna. Come inseguendo le onde concentriche di un mandala, Tadeus-Tabucchi accompagna il lettore attraverso nove cerchi, si muove dentro e fuori di essi, passa leggero accanto alla figura di Isabel, a volte la sfiora, a volte trova aperture e spazio per scorgerne il segreto, ma non il centro, mai il Tutto, mai la Verità.

Chi è stata Isabel? E dov’è ora?

A poco a poco scopriamo che Isabel si faceva chiamare anche Magda, che era entrata in clandestinità (forse), che aveva avuto una gravidanza e aveva abortito (forse), che era stata torturata in carcere (forse), che si era suicidata in una pensioncina di Campo de Ourique 77 mentre guardava la Basilica dell’Estrela “bianca come un biscotto”,  immersa nella luna bianchissima del cielo di Lisbona.   È un fiume che scorre e ci trascina questo romanzo, di pagina in pagina, di mistero in mistero, di sorpresa in sorpresa. E mentre attraversiamo Lisbona, assaporiamo liquori, ascoltiamo Sonny Rollins, penetriamo nelle pieghe di una storia che l’autore spinge oltre i limiti del reale servendosi dei nove curiosi personaggi cui Tadeus si rivolge per arrivare al centro del suo mandala.

mandala_coloring_pages

Governanti, preti, musicisti, poeti…

Tutti sono specchi obliqui della vicenda umana di Isabel, ne riflettono un aspetto: la signora Brigida, il vecchio barman Joachim, il signor Almeida, il fotografo Tiago, Manuel il guardiano della grotta di Camões, l’astronoma Lise che ha perso un figlio e insieme al figlio ha perso i confini di sé, infine il Violinista matto che da Napoli dirige il misterioso percorso di Tadeus. Sarà lui ad accompagnarlo  finalmente al cospetto di Isabel. Che è morta sì… ma c’è anche se non c’è. Isabel vive perché “la morte è la curva della strada, morire è solo non essere visti”.

Tabucchi è ora dietro la curva

È scomparso poco più un anno fa questo nostro grande scrittore. E nei suoi libri non smettiamo di cercarlo, percorriamo i cerchi successivi di questo suo romanzo postumo e nel frattempo anche noi, come Tadeus, comprendiamo che il centro di ogni uomo è nient’altro che il nostro: il nostro Nulla. Che a sua volta è il nostro Tutto. Perché la Verità di ciascuno di noi non esiste, inutile cercarla…a malapena si intravede sul telaio della nostra esistenza.

Annunci

4 pensieri su “Antonio Tabucchi, requiem per Isabel

  1. Ho conosciuto Antonio Tabucchi attraverso la sua opera di traduzione e diffusione di Fernando Pessoa. In seguito ho letto i suoi romanzi. Gli sono grato perché mi ha fatto scoprire Pessoa, e per la sua opera personale. Mi hanno dato grandi emozioni e molto orientato la mia filosofia di vita.

    • Caro Giovanni è vero lo studio e la traduzione di Pessoa è il regalo più grande che ci ha fatto Tabucchi, che di certo è stato il più europeo degli scrittori italiani. Considerarlo scrittore direi che è davvero poco: è stato oltre che narratore colto e visionario anche un grande intellettuale, un polemista coraggioso, un grande viaggiatore, insomma un uomo libero. Anche io ho sempre trovato nei suoi scritti riflessioni in cui mi sono ‘riflessa’. E qualche mese fa mi è capitato di leggere Viaggi e altri viaggi….un libro molto affascinante per viaggiare mano nella mano con lui.

    • Si è affascinante Giovanna e potrebbe piacerti – tu che ami i thriller – questo romanzo che è anche un po’ un’inchiesta. Il protagonista cerca di capire che fine ha fatto la sua amica ricostruendo le tracce attraverso piccoli tasselli: frammenti di impressioni e esperienze che gli amici di Isabel avevano avuto di lei. Certo…il tutto ha un contorno un po’ metafisico ma sono certa che ti piacerebbe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...